www.stelleoccitane.itStelle Occitane
 


La notizia del mese

Novembre 2011: Caccia all'intruso - Giove

A caccia di Giove 
Osserva attentamente la foto: riesci a riconoscere Giove?   (Fotografie Enrico Collo)
scattate la notte fra il 17 e il 18 novembre 2011 intorno a mezzanotte

Novembre 2011

Caccia all'intruso
- Giove -

Una delle domande che più frequentemente mi vengono poste durante le serate di osservazione astronomica è: "Come si fanno a riconoscere i pianeti fra tutte le altre stelle?".

Proverò a rispondere a partire da questo mese, osservando il cielo in diretta con voi.

Si potrebbe dire che per Giove e Venere la questione sia abbastanza semplice, essendo molto luminosi; ma ci sono stelle altrettanto luminose, come ad esempio Sirio, Vega, Arturo e Capella... Marte invece è facile, perchè colorato di rosso; ma lo sono anche le stelle come Betelgeuse e Antares, che come dice il nome è l'antagonista di Marte, Ares per i greci... Saturno è lontanissimo, quindi solitamente più debole, quindi bisogna sapere che quel puntino luminoso è proprio lui... Mercurio invece è un biricchino, il più difficile da trovare, perchè si nasconde sempre nella luce del Sole essendo il più vicino alla nostra stella; non per niente i greci lo chiamavano Hermes, l'ermetico, colui che si nasconde... Per Urano e Nettuno non ci poniamo neppure il problema, perchè ad occhio nudo non si vedono! Plutone, infine, non rientra neanche più nella categoria dei pianeti...

E allora? Le risposte sono molteplici e spesso si basano su un'attenta osservazione della loro posizione nel cielo (i pianeti si trovano sempre nei segni zodiacali); poi è fondamentale osservare, oltre alla loro luminosità e colore, come si spostano nel cielo nell'arco delle settimane e nei mesi.
Venere e Mercurio si vedono sempre o prima dell'alba o subito dopo il tramonto, perchè sono vicini al Sole. Marte, Giove e Saturno possono essere visti anche in piena notte, a meno che non stiano entrando o uscendo da una congiunzione col Sole.

A caccia di Giove
In questo periodo (novembre 2011) è molto comodo osservare Giove, perchè sorge a est subito dopo il tramonto e attraversa tutta la volta celeste in alto a sud, per tramontare prima dell'alba ad ovest.
Riconoscerlo è facile perchè luminossimo, ma lo è ancora di più se uno conosce le costellazioni, in particolare quelle zodiacali.
Avete osservato bene la foto in alto? Avete riconosciuto delle costellazioni a voi familiari?
Provateci ancora prima di proseguire a leggere.

Devo dire che sono stato abbastanza cattivello, perchè Giove si trova in una zona del cielo abbastanza difficile. Perdonatemi, non è colpa mia!
I più bravi avranno sicuramente riconosciuto le Pleiadi e il Toro a sinistra; quelli dell'Ariete saranno sicuramente i più felici, perchè il Dio degli dei è proprio nel vostro segno, che imparerete così a riconoscere grazie al pianeta; chi di voi è dei Pesci capirà subito quanto è difficile riconoscere le proprie stelle...
E poi ci saranno ancora il Triangolo e Andromeda, nelle cui costellazioni ci sono le due galassie più vicine a noi: "solo a 2 e 3 milioni di anni luce da noi! Per chiudere abbiamo i piedi di Perseo in alto e la testa della Balena in basso.

"Aiuto!!! Mi sono perso!" esclamere a questo punto, e vi posso dare ragione. Ho faticato abbastanza anch'io, che le conosco già bene. Ma non disperate, e guardate la soluzione qui di seguito:


Riconoscere Giove
La stessa fotografia di inizio pagina, con disegnate le costellazioni e cerchiato il nostro intruso del mese, Giove.
Lo avevate riconosciuto? BRAVI! Adesso prendete ben nota delle costellazioni e stasera uscite per cercarle in cielo.
Attenzione però: la foto l'ho scattata il 17 novembre, c'erano anche le stelle cadenti delle Leonidi, ma poca roba; nelle prossime settimane Giove si sposterà, seppur di poco perchè lontano. Pensate che impiega circa 12 anni per attraversare i dodici segni dello zodiaco; quindi prendetevela pure comoda... 
(Foto Enrico Collo)

Siamo proprio sicuri che quello sia veramente Giove? Nell'antichità lo riconoscevano grazie all'osservazione del suo comportamento nell'arco dei mesi e degli anni. Oggi la tecnologia ci aiuta, offrendoci la possibilità di meravigliarci allo stesso modo di Galileo Galilei quando sconvolse il mondo col suo cannocchiale! Come già fece il grande scienziato, non è necessario un telescopio per scoprirlo, ma basta un buon binocolo o una buona macchina reflex. Ecco nella foto in basso il risultato: quattro lune, che in base alle serate che osserverete potrebbero anche essere solo 2 o 3 (qualcuna si può nascondere davanti o dietro il pianeta). Così Galileo, notte dopo notte, scoprì che quei puntini luminosi - chissà come erano quei mondi lontani, si chiedeva - ruotavano intorno a Giove: apriti cielo! L'Uomo perdeva per sempre la sua visione geocentrica dell'Universo.

Le lune di Giove
Le quattro grandi lune di Giove, come si presentavano
la sera del 17 novembre intorno a mezzanotte
(Foto
Enrico Collo

La notte successiva, leggendomi nel pensiero, l'amico Marco Lijoi si è ritrovato con Andrea per una serata osservativa all'osservatorio di Bernezzo e si è dedicato alla fotografia di Giove. Le difficoltà tecniche della fotografia planetaria sono decisamente superiori, sicuramente ci dedicheremo una pagina in futuro. Ecco i dati tecnici dell'attrezzatura utilizzata, così per farvi un'idea: newton 200/1000 f5 skywatcher su heq5 pro, camera dmk41 con barlow x5 meade. 18 novembre 2011, ore 22:15.

E qui il bellissimo risultato:

Giove
Giove il 18 novembre alle 22.15: Avete notato i due satelliti a sinistra? Quello più in alto è Ganimede, l'altro è Europa.
Confrontateli con la foto della sera precedente: si sono spostati! questo è ciò che vide anche Galileo.
 (Foto Marco Lijoi)

Intanto noi continuiamo ad osservare le meraviglie del cielo:
scopri se ci sono nuovi appuntamenti con le stelle su www.naturaoccitana.it


Il cielo in diretta: scopri le notizie dei mesi precedenti

 
Pagine correlate



SEI INTERESSATO A ORGANIZZARE SERATE DI ASTRONOMIA
O PROGETTI SCOLASTICI PER SCOPRIRE I SEGRETI DEL CIELO?

Scrivi a STELLE OCCITANE - Tel. 349.73.28.556 - info@naturaoccitana.it

Sito realizzato nel 2010 con un contributo di
Fondazione CRC
Scuole Primarie Val Varaita


Scopri su www.naturaoccitana.it se ci sono delle serate di osservazione astronomica in programma

Home PageStarLabChi siamoIl cielo di oggiSerate astronomicheSchiaparelli 2016Antropomorfo RoccereTutti gli eventiGiugno 2015Maggio 2015Aprile 2015Marzo 2015Gennaio 2015Dicembre 2014Novembre 2014Ottobre 2014Settembre 2014Agosto 2014Maggio 2014Aprile 2014Marzo 2014Febbraio 2014Gennaio 2014Dicembre 2013Novembre 2013Ottobre 2013Settembre 2013Agosto 2013Giugno 2013Maggio 2013Marzo 2013Febbraio 2013Dicembre 2012 Novembre 2012Ottobre 2012Settembre 2012Agosto 2012Luglio 2012Giugno 2012Maggio 2012Aprile 2012Marzo 2012Febbraio 2012Gennaio 2012Dicembre 2011Novembre 2011Ottobre 2011Settembre 2011Agosto 2011Luglio 2011Giugno 2011Maggio 2011Aprile 2011Marzo 2011Febbraio 2011Gennaio 2011Dicembre 2010Novembre 2010Ottobre 2010Settembre 2010Agosto 2010Luglio 2010Giugno 2010Maggio 2010Aprile 2010Marzo 2010Febbraio 2010Gennaio 2010Dicembre 2009Febbraio 20092008200720062005Meridiane BellinoOsservatorio di TorinoPlanetario di TorinoGenesiPankuStoria della TerraBig BangLa nascita della TerraLa crosta terrestreAtmosferaOceaniInizia la vitaLe pianteAnimali a corpo mollePesciFossiliClimaPiante terrestriConifereAnfibiRettiliDinosauriUccelliMammiferiUomoLe stelle dei bimbiSistema SolareCometeStelle cadentiLunaMari della LunaStelleSoleStelle luminoseAnno LuceStelle vicineNebuloseLa Via LatteaGalassie vicineTelescopi spazialiQuante sonoOsservatorio BernezzoM 1M 27M 33M 45M 51M 63M 64M 65M 74M 77M 86M 91M 97M 100M 101M104M 108NGC 185NGC 672NGC 891 NGC 2024Ngc 2403 NGC 2683NGC 2841NGC 2976NGC 3184NGC 3190NGC 3521NGC 3718NGC 4244NGC 4565NGC5033NGC 7331NGC 7479IC 5146B 33La famiglia del SoleIl SoleMercurioVenereLa TerraLunaMarteGioveSaturnoUranoNettunoPlutoneLe cometeLe galassieAsteroidiSegni zodiacaliArieteToroGemelliCancroLeoneVergineBilanciaScorpioneSagittarioCapricornoAcquarioRicerca